Patriziato Arzo | Cave di Arzo viste dall’alto
15437
post-template-default,single,single-post,postid-15437,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Cave di Arzo viste dall’alto

Il Patriziato di Arzo ha lavorato con l’architetto Enrico Sassi per un progetto di riqualifica delle Cave di Arzo per tornare a viverle. I lavori inizieranno in autunno 2016 e la location sarà pronta per primavera 2017. Un video con le riprese aeree delle Cave, relizzato in collaborazione con lo studio d’ingegneria ambientale Oikos2000.

Dove anticamente c'era un mare... tra il continente Africano e quello Europeo, oggi ci sono le Cave di Arzo.

Le cave di Arzo costituiscono uno dei documenti geologici di età giurassica più interessante di tutto l’Arco Alpino. La storia di queste cave è affascinante, perché le sue origini sono avvenute nei fondali marini di un grande oceano situato tra i primitivi continenti, quello africano e quello europeo.Nel corso del tempo movimenti tettonici ne hanno provocato profonde fratture e lunghi processi metamorfici hanno creato questa pietra particolare e di diverse colorazioni.
Notizie documentate sul marmo di Arzo si hanno attorno alla metà del 1300. Da questa epoca è possibile tracciare un albero genealogico delle generazioni di scalpellini, marmisti e cavatori che hanno lavorato in queste cave.